Le case di oggi sono spesso fredde, omologate e senza personalità. Prevalgono il bianco, le linee semplici e moderne e tutto risulta appiattito. Te ne accorgi quando entri in una casa e non riesce a trasmetterti alcuna emozione ma, soprattutto, non traspare il carattere di chi la abita e la vive ogni giorno. La casa invece dovrebbe essere accogliente, possedere uno stile personale e unico. Tutte qualità ormai impossibili da trovare. Come rendere la casa più intima e dotata di carattere? La risposta è spesso questa: un tocco di vintage. Ecco che la casa ci riporta ad atmosfere anni 70, i colori si fanno più caldi, le forme più estrose e le stanze acquistano una nuova allure. Ci sono stanze dove il vintage riesce a esprimere il meglio di sé, ad esempio la sala da pranzo o il salotto. Un divanetto in pelle, un giradischi, una lampada dalla forma inconsueta e la carta da parati giusta possono dare davvero un tocco unico al salotto. E l’effetto nostalgia è assicurato.

Quando il vintage incontra l’industrial design

Come rendere unica una stanza ma darle anche un tocco moderno? Questa combinazione, molto apprezzata anche all’estero e non solo nelle case ma anche nei bar e nei locali, si ottiene grazie all’incontro tra vintage e industrial. Un’ottima combo che permette di giocare con oggetti provenienti da contesti avulsi dalla casa e pezzi datati con effetti davvero speciali. Ecco che i banchi da officina trovano nuova vita e lasciano alla stanza quel retrogusto retrò e industriale che non guasta mai. Se poi la seduta che la accompagna proviene dai favolosi anni 70, ecco pronta una piccola scrivania o un tavolo da pranzo dal fascino irripetibile. Bastano poi dei piccoli dettagli per rendere la stanza più moderna. Sarà come tenere un piede nel passato e uno nel presente con effetti inaspettati.

L’importanza del tavolo: dai banchi da officina ai banchi da scuola

Il tavolo gioca un ruolo importante nell’equilibrio della stanza. Scegliere un modello che dichiari fin da subito la sua originalità e il suo carattere è importante. Tra i modelli di tavoli da prendere in considerazione per la sala da pranzo ci sono senz’altro i banchi da officina. Facilmente reperibili, questi modelli permettono di giocare con uno stile industrial grazie al loro sapore così grezzo e al contempo essenziale. I banchi da officina sono caratterizzati infatti da un piano, spesso in legno, e altri componenti in acciaio inox. Un altro tavolo da tenere in considerazione è un modello molto simile per certi aspetti, il banco da scuola allungato: ideale per essere posto al centro della stanza. Oltre ai banchi da officina e da scuola, interessanti poi altri modelli come il tavolo da cucito, da usare ad esempio come mobile da cucina oppure una vecchia madia.

Sedute e illuminazione

Più sono diverse e più l’effetto vintage è assicurato. Proprio così: conviene mixare sgabelli, sedute dai colori differenti e con forme diverse tra loro. Unendole ai banchi da officina o ai banchi da lavoro, tutto diventa più interessante. C’è anche un altro modello di seduta perfetto per uno stile che unisce vintage ed industrial: la sedia da diner americano. Questo tipo di seduta è molto in voga e ricorda subito l’ambiente tipico del diner con il juke-box, i divanetti ed il pavimento a scacchi. I colori da prediligere sono l’azzurro e il rosso, per un vero tuffo negli anni ‘50. C’è poi chi ama osare e opta per una panca in legno, più scomoda ma dallo stile unico. Oltre alle sedute interessante la scelta dell’illuminazione con pezzi da collezione davvero particolari o, al contrario, con lampade dalle linee essenziali provenienti dal mondo industrial. L’importante è gestire l’equilibrio tra i due stili e dare vita a una casa dotata di personalità.

Su questo sito i cookie per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche anonime (cookie statistici) e per mostrare opportunamente servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noiCookie Policy